Andrea Palladio e la costruzione dell’architettura

La lezione di Andrea Palladio, unica e inimitabile, ha continuato a rinnovarsi e a rivivere nel tempo, fino a porsi come termine di paragone e di confronto decisivo per l’universo architettonico contemporaneo. Questa eredità artistica e culturale si presenta come un corpus variegato di idee e di concrete realizzazioni che, arrivato fino ai giorni nostri praticamente intatto, non smette di rivelare, a uno sguardo critico e attento, nuovi percorsi interpretativi, nuovi parallelismi e nuove contaminazioni.
Una rilettura approfondita dell’opera palladiana, che illustri la singolare forza estetica espressa da una geniale, unitaria e prolungata “occasione di lavoro”, deve saper valutare anche la sua intrinseca forza etica, evidenziare la significativa influenza dei maestri dell’architettura su Palladio, ribadire l’eccezionalità della committenza del tempo e indagare gli aspetti meno conosciuti e gli elementi di novità segnalati dalla critica.
I diversi contributi raccolti nel volume si soffermano proprio sulle possibili nuove valenze dell’eredità palladiana, riesaminando ciò che lega il passato al nostro presente: il Palladio di questi saggi non è soltanto il supremo interprete di un armonioso genius loci di un’Italia post-agreste, ma di volta in volta emerge come custode dei saperi “materiali” connessi alla produzione architettonica, raffinato e creativo architetto d’interni o, ancora, geniale autodidatta e sostenitore di un ideale di bellezza radicato nella stessa moderna identità della terra veneta.

Aldo De Poli e Chiara Visentin insegnano presso la Facoltà di Architettura dell’Università di Parma.

IL POLIGRAFO casa editrice

via Cassan, 34 (piazza Eremitani)
35121 Padova
tel 049 8360887
fax 049 8360864
casaeditrice@poligrafo.it
P.IVA 01372780286

© 2018 IL POLIGRAFO casa editrice