Antonio Monestiroli

Prototipi di architettura

Antonio Monestiroli è architetto e docente. Seguendo gli itinerari di un erede dei maestri della Scuola di Milano e di un protagonista dell’architettura italiana, il volume introduce a uno dei più significativi contributi nel panorama italiano contemporaneo.
I prototipi di architettura qui presentati, come Monestiroli ama chiamarli, indicano essenzialmente il “farsi” di un metodo consolidato e, nello stesso tempo, costituiscono un mirabile esempio di come dovrebbe essere svolto e affrontato ogni singolo tema in architettura.
La coerenza del fare che connota l’opera di Antonio Monestiroli risulta evidente anche nella corrispondenza concreta tra i progetti illustrati e i saggi teorici che, nel volume, meglio chiariscono l’approccio scelto per ogni ambito d’intervento. Trattare per temi, infatti, riassume in sé un preciso modo di operare in architettura, uno sguardo disciplinare sempre consapevole di come i temi nella costruzione delle forme e degli spazi delle città siano limitati e siano, in definitiva, posti dalla collettività nel suo insieme. «Io penso che l’architettura sia una forma della realtà, una delle forme possibili in cui la realtà si rappresenta. Viceversa – afferma Monestiroli – possiamo dire che la realtà ha una sua forma, una sua architettura, attraverso la quale noi conosciamo noi stessi e il mondo in cui viviamo».
Monestiroli dal 1968 al 1972 è stato assistente e collaboratore di Aldo Rossi. Dal 1970 insegna Composizione architettonica alla Facoltà di Architettura del Politecnico di Milano e dal 1997 alla Facoltà di Architettura Civile. Ha insegnato alla Facoltà di Architettura di Pescara e allo Iuav di Venezia. Nel 1979 è stato Visiting Professor alla Syracuse University a New York, nel 2004 al Dipartimento di Architettura della Delft University of Technology. Nel 2010 gli è stata conferita la Laurea honoris causa al Politecnico di Cracovia. Dal 2011 è Professore emerito di Composizione Architettonica al Politecnico di Milano.
Svolge la sua ricerca sui temi della teoria della progettazione e ha pubblicato nel 1979 L’Architettura della realtà, CLUP, Milano (terza edizione, Allemandi, Torino 2004), edito anche in Spagna e Grecia. Ha curato l’edizione italiana del libro di Ludwig Hilberseimer su Mies van der Rohe, CLUP, Milano 1984 e L’architettura secondo Gardella, Laterza, Roma-Bari 1997. Nello stesso anno Temi urbani - Urban Themes, Unicopli, Milano 1997. Nel 2000 ha pubblicato Antonio Monestiroli. Opere, progetti, studi d’architettura, Electa, Milano e, nel 2002, La metopa e il triglifo, Laterza, Roma-Bari, edito anche in Inghilterra e Polonia. Nel 2008 pubblica La qualità del progetto di architettura, in La Casa, Skira, Milano. Nel 2009 Ignazio Gardella, Electa, Milano, nel 2010 La ragione degli edifici, Marinotti edizioni, Milano. Dal 1988 al 1994 è stato direttore della rivista «QA, Quaderni di Architettura» del Dipartimento di Progettazione del Politecnico di Milano. Nel 1994-1995 è stato curatore alla Triennale di Milano della mostra “Il Centro Altrove. Periferie e nuove centralità nelle aree metropolitane”, catalogo Electa.

eventi / presentazioni »

non ci sono prossimi eventi associati alla pubblicazione

IL POLIGRAFO
casa editrice

via Cassan, 34 (piazza Eremitani)
35121 Padova
tel 049 8360887
fax 049 8360864
casaeditrice@poligrafo.it
P.IVA 01372780286

© 2017 IL POLIGRAFO casa editrice

Credits