Inquietudini queer

Desiderio, performance, scrittura

Il termine inglese queer definisce lo “strano”, il “singolare”, l’“eccentrico”, ma ha anche identificato storicamente gruppi e soggetti ritenuti estranei ai valori e ai modelli tradizionali dominanti della società. Più di recente, soprattutto in ambito anglosassone, lo stigma del queer è stato progressivamente rovesciato di segno, contribuendo a rivedere ruoli, categorie, nozioni considerate immutabili come quelle di “identità” e di “genere”.
“Normale” e “anormale”, “eterosessuale” e “omosessuale”, “naturale” e “innaturale” sono stati, nei secoli, altrettanti paradigmi binari che costruivano discriminazioni ed esclusioni, modelli di comportamento, etichette con cui classificare gli individui e riprodurre determinati stili di vita. Gli interventi qui raccolti esplorano un territorio sospeso tra antico e contemporaneo, psicoanalisi e filosofia, cinema e letteratura, cercando di dare voce ai desideri e ai percorsi delle identità altre: un dialogo che si snoda tra l’androginia del greco Dioniso e i versi di Penna e Pasolini, il travestimento nel teatro di Shakespeare e le metamorfosi romanzesche, il grottesco e il camp, Morante e Tondelli, Platone e Sade.

Saveria Chemotti insegna Letteratura italiana contemporanea e Letteratura italiana di genere e delle donne all’Università di Padova. Recentemente si è occupata di letteratura delle donne, di narrativa degli anni Ottanta e Novanta, con particolare attenzione per gli scrittori veneti. È condirettore di «Studi novecenteschi», rivista di storia della letteratura italiana contemporanea. Tra i suoi numerosi scritti, per le edizioni Il Poligrafo ha pubblicato: La terra in tasca: esperienze di scrittura nel Veneto contemporaneo (2003); L’inchiostro bianco. Madri e figlie nella narrativa italiana contemporanea (2009); Lo specchio infranto. La relazione tra padre e figlia in alcune scrittrici italiane contemporanee (2010); A piè di pagina. Saggi di letteratura italiana (2012).

Davide Susanetti è professore di Letteratura greca a Padova. Si occupa di tragedia greca, Platone e letteratura tardo-antica. Ha scritto: Il teatro dei Greci. Feste e spettacoli, eroi e buffoni (Carocci, 2003); Favole antiche. Mito greco e tradizione letteraria europea (Carocci, 2005); Euripide fra tragedia, mito e filosofia (Carocci, 2007); Catastrofi politiche. Sofocle e la tragedia di vivere insieme (Carocci, 2011). Ha tradotto l’Andromaca di Euripide per l’Istituto Nazionale del Dramma Antico, Teatro greco di Siracusa (2011).

 

eventi / presentazioni »

non ci sono prossimi eventi associati alla pubblicazione

IL POLIGRAFO casa editrice

via Cassan, 34 (piazza Eremitani)
35121 Padova
tel 049 8360887
fax 049 8360864
casaeditrice@poligrafo.it
P.IVA 01372780286

© 2018 IL POLIGRAFO casa editrice