L’apriori della storia e la possibilità

Il Novecento e la concezione modale della storia: Weber, Lukács, Hartmann, Bloch, Benjamin

Ogni confronto fra prospettive politiche implica sempre un presupposto storico-filosofico di carattere modale. Il presente saggio cerca di rintracciare le origini di un rilevante dibattito, ritessendo i fili della riflessione politico-filosofica sulla storia che si sviluppa nella prima metà del Novecento, una volta abbandonata l’idea di un necessario disegno universale.
Punto di riferimento di questa svolta, in cui si pone la condizione per tornare a riflettere sul carattere di possibilità degli eventi, è la nozione di “possibilità oggettiva” (objektive Möglichkeit), che Max Weber mette al centro del nuovo approccio metodologico alla realtà sociale da lui inaugurato. Esso viene a contrapporsi alla nozione hegeliana di “possibilità reale” (Realmöglichkeit) e alle sue conseguenti implicazioni speculative. Tale possibilità ricompare tuttavia nel sistema ontologico di Nicolai Hartmann, che – sebbene di ispirazione realista – la riabilita in funzione di negare la sussistenza stessa di un “possibile”.
Le categorie di “possibilità oggettiva” e di “possibilità reale” vengono così a costituire una sorta di riferimento alternativo, a cui implicitamente si richiamano le diverse voci che animano la riflessione filosofica sollecitata, nei primi decenni del Novecento, dalle grandi trasformazioni politiche e sociali in atto, a cominciare dalla Rivoluzione d’Ottobre del 1917.

Claudio Badano è docente di Filosofia e Storia presso il Liceo Scientifico “G.P. Vieusseux” di Imperia. È membro della Scuola di Alta Formazione “Michele De Tommaso” dell’Istituto Italiano per gli Studi Filosofici. Fra le sue più recenti pubblicazioni: Le origini del movimento socialista nell’estremo ponente ligure, in Le origini del socialismo in Liguria (Dell’Orso, Alessandri 1995), La possibilità e il senso. Un percorso intorno al tema del possibile nella “filosofia del pensiero”: Meinong, Husserl, Wittgenstein (Armando, Roma 2008).

IL POLIGRAFO
casa editrice

via Cassan, 34 (piazza Eremitani)
35121 Padova
tel 049 8360887
fax 049 8360864
casaeditrice@poligrafo.it
P.IVA 01372780286

© 2017 IL POLIGRAFO casa editrice

Credits