Le forme del tempo

Aion Chronos Kairos

La riflessione sull’orizzonte della temporalità nel mondo greco e romano, sui suoi significati, sulla sua traduzione in immagini è accompagnata in queste pagine dall’analisi di alcune delle forme in cui si è manifestato il senso del tempo per gli antichi, proponendosi in essenze personificate come Aion, Chronos, Kairos, figure che sembrano sfuggire ad una comprensione definitiva e rimandare ad un universo complesso, ambiguo e polimorfo. In tal senso, uno studio archeologico non può prescindere da indagini estese nel campo filosofico e letterario, da incursioni nel settore storico-artistico e in quello storico-religioso, da cui è possibile, anzitutto, evincere il carattere polisemantico del tempo. Restano sullo sfondo di questa ricerca i contributi di autori come Doro Levi, Panofsky, Klibansky, Saxl, punti di riferimento tuttora essenziali per studi e approfondimenti di carattere iconografico-iconologico e filosofico-concettuale.

Annapaola Zaccaria Ruggiu insegna Archeologia e Storia dell’arte greca e romana all’Università Ca’ Foscari di Venezia. Si interessa di architettura privata, del rapporto tra spazio privato e spazio pubblico, dell’iconografia del tempo, di cultura materiale. È autrice di articoli, saggi e monografie, fra cui Spazio privato e spazio pubblico nello città romana, nella “Collection de l'Ecole Francaise de Rome” (Roma 1995); More regio vivere. Il banchetto aristocratico e la casa romano di età arcaica (Roma 2005). Per Bruno Mondadori ha pubblicato nel 1998 Tempo nel mondo greco e romano, nel volume Filosofia del tempo (a cura di L. Ruggiu). Ha partecipato a missioni di scavo a Orvieto, a Luni (La Spezia) e Altino (Venezia). Coordina ed è responsabile di scavi e ricerche a Hierapolis di Frigia (Turchia), a Pompei, a Brentino-Belluno (Verona).

IL POLIGRAFO
casa editrice

via Cassan, 34 (piazza Eremitani)
35121 Padova
tel 049 8360887
fax 049 8360864
casaeditrice@poligrafo.it
P.IVA 01372780286

© 2017 IL POLIGRAFO casa editrice

Credits