Nudità del senso, nudità del mondo

L’ontologia aperta di Jean-Luc Nancy

prefazione di Enrica Lisciani Petrini

Pochi autori, nella filosofia contemporanea, possono meritare la definizione di “classici viventi”: tra questi, all’interno di un panorama che ha visto nomi come Lévinas, Foucault, Deleuze, Derrida, spicca Jean-Luc Nancy. L’itinerario nel suo pensiero qui proposto si sofferma in particolar modo sulla sua concezione ontologica, lasciando intravedere la tensione interna che anima il pensiero di uno tra i più significativi filosofi del nostro tempo.
Alla base della riflessione di Nancy troviamo una decostruzione del Soggetto cartesiano, che ne rileva la finzione costitutiva. Da questo “varco” diventa più agevole addentrarsi nella concezione di Nancy, in cui confluiscono due visioni: da un lato, il mondo come partizione di voci, partage musicale e sonoro che è espressione del clamore e del silenzio dell’essere, a cui ogni singolarità partecipa in una mondiale adorazione e, dall’altro, un approccio materialistico e corporeo, che rimanda al contatto e alla commozione dei corpi, al loro stare nel mondo esposti e nudi. Adorazione delle voci e commozione dei corpi si ritrovano entrambe nella concezione dell’essere singolare plurale di Nancy: un’ontologia aperta che, dalla decostruzione del mito della comunità “operosa”, conduce alla trama nuda dell’in-comune, presentando evidenti implicazioni etiche e politiche.

Salvatore Piromalli è dottore di ricerca in Filosofia. I suoi interessi sono prevalentemente rivolti agli esiti contemporanei della riflessione filosofica continentale. Da diversi anni si occupa di pratiche filosofiche. Ha lavorato come operatore sociale nel campo del disagio psichico e dell’emarginazione sociale, ha diretto la rivista «Tracce. Alternative al carcere e operatori sociali», interessandosi alle questioni teoriche del lavoro sociale. È co-curatore del volume Tra carcere e territorio (Franco Angeli, 1994). Suoi contributi filosofici sono apparsi in varie riviste. Per i tipi del Poligrafo ha pubblicato il volume Vuoto e inaugurazione. La condizione umana nel pensiero di Maria Zambrano e Jean-Luc Nancy (2009).

IL POLIGRAFO casa editrice

via Cassan, 34 (piazza Eremitani)
35121 Padova
tel 049 8360887
fax 049 8360864
casaeditrice@poligrafo.it
P.IVA 01372780286

© 2018 IL POLIGRAFO casa editrice