Prato della Valle

Uno spazio che ha “un solo volto e tante anime”, ampio e poliedrico, la cui unicità sorprende tanto il padovano quanto il turista. Un sito di antica fondazione trasformatosi nel tempo seguendo l’evoluzione della città e le mutate esigenze dei suoi abitanti. Nell’immaginario diffuso Prato della Valle è il “lembo del giardin d’armida” di dannunziana memoria, luogo eletto di letterati e artisti, da Diego Valeri ad Amleto Sartori, ma è anche il Prà di Tono Zancanaro, brulicante di “poareti”, un’area dalle ambizioni moderne, ma che in fondo moderna non è mai stata. Molti i progetti rimasti sulla carta o solo parzialmente realizzati, a partire dall’intervento di fine Settecento di Andrea Memmo, lungimirante provveditore della Serenissima, al quale sono seguiti utopici tentativi di tenere il Prato al passo con la modernità, come il campus universitario a firma di Giuseppe Jappelli, espresso solo in forma progettuale, o la facciata scarlatta della Loggia Amulea, in netto contrasto con la preesistente quinta architettonica.
Anche le destinazioni d’uso hanno connotato la fisionomia di Prato della Valle: da polo fieristico-commerciale a zona militare ai primi dell’Ottocento con austriaci e francesi, fino a diventare arena per giostre, circo, corse di cavalli e poi gare automobilistiche dagli anni Venti del Novecento.
In queste pagine non viene solo tracciato un profilo storico di Prato della Valle, ma ci si sofferma sulla recente storia sociale per mettere in prospettiva il luogo con i suoi abitanti. In una storia scandita da continui corsi e ricorsi, è spontaneo domandarsi oggi se Prato della Valle, che non è e non sarà mai una semplice piazza, sia grado di esaltare le persone che vi vivono o lavorano o se a livello identitario prevalga il suo essere una scenografica e affascinante quinta architettonica.

Silvia Zava, padovana, è laureata in Lingue e Letterature straniere moderne a Padova e in Storia delle Arti e Conservazione dei Beni Artistici a Venezia. Ha iniziato a lavorare in ambito storico-artistico nel 1999 con un incarico professionale presso i Musei Civici di Padova, con cui collabora tuttora come operatrice didattica. Dopo un’esperienza di insegnamento della Storia dell’arte in lingua inglese, nel 2003 ha intrapreso il libero professionismo diventando guida turistica. Nel 2009 ha conseguito sotto la direzione di Marco Goldin un Master per Curatori di Mostre presso la IULM di Milano. Ha all’attivo la curatela di mostre di arte contemporanea in ambito locale tra cui nel 2012 la personale Disgelo di Graziella Da Gioz presso la Galleria LaRinascente a Padova. Dal 2013 studia i monumenti commemorativi ai caduti della Prima Guerra mondiale e svolge attività di ricerca presso la Federazione padovana dell’ANCR – di cui è consigliere provinciale – e presso la locale sezione dell’ANMIG. È co-autrice dei volumi Padova e la Grande Guerra. Un percorso sui luoghi storici e La presenza di un valore (Tracciati 2015 e 2018). Collabora con numerose istituzioni e associazioni culturali del territorio. Altre notizie sul sito www.neroassoluto.net

eventi / presentazioni »

non ci sono prossimi eventi associati alla pubblicazione

IL POLIGRAFO casa editrice

via Cassan, 34 (piazza Eremitani)
35121 Padova
tel 049 8360887
fax 049 8360864
casaeditrice@poligrafo.it
P.IVA 01372780286

© 2018 IL POLIGRAFO casa editrice