Spigolature letterarie tra Ottocento
e Novecento

Troppo spesso la ricerca filologico-letteraria si sofferma sui capolavori dei grandi autori, tralasciando quella che, di fatto, è la produzione di un’epoca: opere “minori” che a ben guardare minori non sono, saggi, pièces teatrali, testi di autorimarginalizzati perché periferici, come se la storia della letteratura italiana non fosse anche la storia del dialogo tra centro e provincia.
In quest’ottica, Cinzia Gallo si muove tra secondo Ottocento e Novecento per indagare, attraverso l’analisi degli aspetti formali delle opere considerate, la funzione ideologica della letteratura: i concetti di gioventù e vecchiaia nell’ultima commedia di Italo Svevo, La rigenerazione; la presenza del “narratore benjaminiano” ne L’olivo e l’olivastro di Vincenzo Consolo, saggio chiave per capire la ricerca espressiva dell’autore siciliano; ilmito dell’identità nazionale in Quarantotti Gambini; l’umorismo involontario delineato da Achille Campanile in Cantilena all’angolo della strada, dove tristezza e risata sono posti sullo stesso piano. E ancora: i rapporti tra Girolamo Ragusa Moleti e il movimento verista; i legami con l’ambiente di Roma bizantina e con D’Annunzio di Matilde Serao e Ferdinando Di Giorgi...
È un’analisi, quella di queste spigolature, che accosta i valori formali dei testi a riferimenti storici, sociologici e culturali e che, attraverso la lente dell’intertestualità, mette in luce come la letteratura sia un organismo vivo in cui testi e persone comunicano e si influenzano tra loro.

Cinzia Gallo, dottore di ricerca in Scienze letterarie e linguistiche, collabora con la Struttura Didattica Speciale di Lingue e Letterature straniere di Ragusa (Università di Catania). Ha pubblicato numerosi saggi in volumi collettanei, atti di convegno e per le riviste «Siculorum Gymnasium», «Forum Italicum», «Le Forme e la Storia», «Carte di viaggio», «Levia Gravia», «US-China Foreign Language», «Annali d’Italianistica». Ha curato l’edizione critica di una raccolta di racconti di Giani Stuparich (Aracne, 2015).

IL POLIGRAFO casa editrice

via Cassan, 34 (piazza Eremitani)
35121 Padova
tel 049 8360887
fax 049 8360864
casaeditrice@poligrafo.it
P.IVA 01372780286

© 2017 IL POLIGRAFO casa editrice