Educazione telematica all’anziano diabetico

Realtà e prospettive

Il diabete è una patologia molto frequente che in Italia colpisce circa tre milioni di persone. La sua elevata frequenza e la gravità delle complicanze la rendono una malattia di notevole rilevanza sociale. Inoltre, le stime mondiali per gli anni a venire sono drammatiche, in quanto si prevede un raddoppio del numero di diabetici nei prossimi cinquant’anni. Molto si può fare, però, per il controllo di questa patologia, soprattutto attraverso l’educazione del paziente diabetico e la conseguente autogestione della malattia, in modo da controllarne la progressione e prevenire le complicanze croniche.
In questo volume viene presentato uno studio di particoalre interesse e rilievo per l’educazione del paziente diabetico. Ne emerge la possibilità di somministrare con successo un programma di educazione sanitaria a diabetici anziani attraverso un sistema di telecomunicazione, un mezzo innovativo e di potenziale vasta applicazione che consente di raggiungere pazienti particolarmente a rischio quali anziani disabili, che vivono da soli e che sono difficilmente raggiungibili dai programmi di educazione tradizionali.
La sperimentazione, attuata grazie al servizio di telecontrollo TeSAN nella regione Veneto, ha dimostrato le potenzialità di queste nuove modalità educative che impegnano la comunità scientifica e tecnologica per un’applicazione futura su larga scala.

Gaetano Crepaldi è Direttore della Cinica Medica del Dipartimento di Scienze Mediche e Chirurgiche dell’Università di Padova e Responsabile della Clinica per lo Studio dell’Invecchiamento dell’Istituto di Neuroscienze del Consiglio Nazionale delle Ricerche, con sede a Padova. È autore di oltre 600 articoli scientifici sulle più prestigiose riviste nazionali e internazionali e dal 1989 è fondatore e direttore della rivista «Aging. Clinical and Experimental Research». Ha ricevuto numerosi riconoscimenti a livello nazionale e internazionale, tra i quali, nel 1989, il Premio Feltrinelli dell’Accademia Nazionale dei Lincei e nel 1991 il Premio Sandoz per la Ricerca Gerontologica.

Stefania Maggi è Primo Ricercatore presso la Sezione Clinica dell’Istituto di Neuroscienze del Consiglio Nazionale delle Ricerche, con sede a Padova. La sua attività scientifica include il coordinamento di progetti nazionali e internazionali sull’epidemiologia delle principali patologie croniche e sugli aspetti sociali e sanitari dell’invecchiamento della popolazione. È autrice di numerose pubblicazioni scientifiche sulla dimensione epidemiologica e sui fattori di rischio delle malattie cardiovascolari, metaboliche e neurologiche dell’età anziana.

IL POLIGRAFO casa editrice

via Cassan, 34 (piazza Eremitani)
35121 Padova
tel 049 8360887
fax 049 8360864
casaeditrice@poligrafo.it
P.IVA 01372780286

© 2018 IL POLIGRAFO casa editrice