Incontro e abbraccio nella scultura
del Novecento

Da Rodin a Mitoraj

Tra le espressioni artistiche, la scultura è quella che riesce meglio a rappresentare le diverse sfaccettature della figura umana, per la tridimensionalità delle forme, la complessità dei volumi, l’attenzione al dettaglio e alla relazione dei corpi con lo spazio. Quello spazio intimo della materia che racconta il corpo trasformandolo in forma e luogo di accadimenti nelle più diverse modulazioni, ora armonizzandole in una compostezza classica, ora enfatizzando il movimento con cui la materia presenta se stessa, sollecitando le superfici con tonalità impressioniste, o ripiegando su narrazioni liriche, simboliste, metafisiche. In questa rassegna di sculture di artisti del Novecento – da Auguste Rodin ad Arturo Martini, Fernand Léger, Henri Matisse, Virgilio Guidi, Henri Moore, Igor Mitoraj – le molteplici singolarità della condizione umana vengono rappresentate attraverso un insieme di opere che toccano temi tra loro in dialogo: il cammino della vita, l’incontro, la relazione, la lontananza, l’attesa, l’empatia, la compassione. Un percorso che richiama le idee sempre attuali dell’Umanesimo, rielaborandole con un linguaggio artistico che invita alla memoria e alla riflessione. L’arte scultorea diventa così sollecitazione a riappropriarsi della capacità di osservare, a recuperare il valore delle pose e dei gesti, a soffermarsi non solo sulle forme ma anche, e forse soprattutto, sui significati.
 
Catalogo della mostra
Padova, Palazzo del Monte di Pietà
16 novembre 2019 - 9 febbraio 2020
 

Alfonso Pluchinotta, medico e storico della medicina con speciale attenzione al corpo come linguaggio e alla mano come strumento nella relazione e nella formazione del pensiero creativo. Curatore di mostre d’arte sulla rappresentazione del corpo
nelle arti visive (History of the Breast, 1986; Incanto e Anatomie del Seno, 1997; That Unstable Object of Desire, 2009; Essenzialmente la mano, 2012). Autore anche di Senza di loro nemmeno io. Appunti su incontro, abbraccio, carezza (Il Poligrafo 2017).

IL POLIGRAFO casa editrice

via Cassan, 34 (piazza Eremitani)
35121 Padova
tel 049 8360887
fax 049 8360864
casaeditrice@poligrafo.it
P.IVA 01372780286

© 2019 IL POLIGRAFO casa editrice