Giorgio Macchi Progetti

Questo libro è la storia di un ingegnere italiano, una pagina prestigiosa dell’ingegneria del nostro paese. Una narrazione diretta e personale come un diario di lavoro, stesa da un suo protagonista: Giorgio Macchi. Il racconto di una vicenda singolare per ricchezza e acutezza, che rende vicina la pratica dell’ingegneria, comprensibili i suoi strumenti e i suoi fini, descrivibile il campo delle sue azioni, grandi i suoi obiettivi. Giorgio Macchi, nato nel 1930 a Milano, si laurea in Ingegneria civile al Politecnico di Torino, dove diviene assistente di Franco Levi, con cui poi approda a Venezia. È collaboratore di Silvano Zorzi in alcuni capolavori dell’ingegneria italiana, come i ponti sull’Autostrada del Sole, sul Po a Mortizza (1958) e sull’Arno a Incisa e a Levane (1964). Protagonista dell’insegnamento, dapprima a Venezia presso lo IUAV e poi all’Università di Pavia, dove dirige l’Istituto di Scienza e tecnica delle costruzioni e poi diviene preside della Facoltà di Ingegneria. È membro dei principali organismi internazionali di ricerca sul cemento armato ed è insignito di prestigiosi riconoscimenti internazionali. Ha ricoperto per decenni cariche direttive del Comité Européen du Béton e dell’International Association for Bridge and Structural Engineering (IABSE). È socio nazionale dell’Accademia delle Scienze di Torino. Il recente trasferimento del proprio archivio all’Università Iuav di Venezia ha indotto Giorgio Macchi a ripercorrere le tappe principali della propria vita professionale, lasciando testimonianza di una carriera volta al rinnovamento della tecnica delle costruzioni e del suo insegnamento, nella volontà e nella capacità di rispondere alle domande complesse che la società italiana e internazionale, in continua trasformazione, ha posto all’ingegneria. Il volume si sofferma su una selezione di opere costruite, che si susseguono da quelle del debutto, a quelle con Silvano Zorzi, quindi a quelle elaborate nelle diverse compagini professionali. La vasta attività di ricercatore nel campo della progettazione strutturale si esplica nei numerosi ponti a piastra in cemento armato precompresso continui e senza giunti fino alla lunghezza di 600 m, per i quali ha sperimentato soluzioni innovative, così come nei viadotti “tipo Omega” per il tratto modenese dell’Alta Velocità. Ampia parte del volume è dedicata agli importanti e raffinati progetti elaborati per assicurare la stabilità strutturale a prestigiosi monumenti, tra cui la Torre di Pisa, il Campanile di San Marco a Venezia, la facciata di San Pietro a Roma, il Duomo di Pavia, la Cappella della Sindone a Torino, la parete dell’Ultima Cena di Leonardo da Vinci, nonché altre opere nel mondo.

 

suggerimenti di lettura

IL POLIGRAFO casa editrice

via Cassan, 34 (piazza Eremitani)
35121 Padova
tel 049 8360887
fax 049 8360864
casaeditrice@poligrafo.it
P.IVA 01372780286

© 2019 IL POLIGRAFO casa editrice