I luoghi della cura

Studi e progetti per il nuovo ospedale
e la Facoltà di Medicina della città di Padova

Questo volume raccoglie e ordina gli studi e i progetti condotti intorno al tema del nuovo Ospedale e della nuova Facoltà di Medicina di Padova, nel mentre si stava costruendo il nuovo Piano di Assetto del Territorio della città e dell’area metropolitana. I due fatti non sono tra di loro estranei. Non solo per le strategie insediative che presiedono alla scelta dell’area dove costruire le nuove attrezzature e per la determinazione del loro dimensionamento, ma anche per la natura stessa degli interventi insediativi previsti in rapporto allo sviluppo della città e del territorio. Se è vero, infatti, che le regole di costruzione della “macchina” ospedaliera e del campus universitario presentano un alto livello di autonomia funzionale ancorato alla organizzazione e alla gestione del sapere medico e della cura, è altrettanto vero che un complesso edilizio di tale peso deve necessariamente porsi anche l’obiettivo di costituire e di diventare una parte viva della città di Padova, un luogo, o meglio, un insieme di luoghi in grado di essere e di generare spazi urbani significativi e riconoscibili entro la città.
Nelle quattro sezioni in cui è articolato il volume vengono indagate, dapprima, le ragioni per così dire “urbane” del sistema ospedaliero e universitario padovano nel suo farsi in rapporto alla città e all’area metropolitana e nell’ambito delle principali azioni strategiche messe in atto dal Piano per lo sviluppo della città. La parte storica ripercorre lo sviluppo dell’architettura ospedaliera a Padova, nel Veneto e in Europa dalla metà del Settecento a oggi. Nella terza sezione vengono documentati gli studi morfologici, le varianti di impianto e i progetti per il nuovo ospedale e il nuovo campus della medicina all’interno del sistema urbano ovest della città. L’ultima sezione è dedicata alla conoscenza e alla organizzazione dell’attuale sistema ospedaliero e della Facoltà di Medicina di Padova, alla lettura tipologico-funzionale di alcuni significativi edifici per la cura di recente costruiti e a una sintesi della programmazione sanitaria della Regione Veneto.

Umberto Trame si laurea in Architettura a Venezia nel 1974. Dopo alcuni anni di attività svolta nel campo della pianificazione territoriale, alla fine degli anni Settanta indirizza i propri studi e il proprio lavoro al progetto architettonico e al recupero degli edifici e delle aree di impianto storico, progettando piani per i centri storici e realizzando importanti opere pubbliche. Nel 1990 ha vinto il premio IN/ARCH per il Friuli Venezia Giulia. Nel 2001 ha ideato la nuova rivista internazionale di architettura «OP - Opera e Progetto». Dal 2003 ha ripreso a lavorare sugli ambiti di scala territoriale, approfondendo il valore delle indicazioni strutturali dei piani e della morfologia urbana come momenti autonomi e originali nel determinare le strategie insediative, i caratteri dei luoghi e nell’indirizzare i contenuti della stessa architettura. Insegna all’Università Iuav di Venezia, dove è professore di Composizione architettonica e urbana.

IL POLIGRAFO casa editrice

via Cassan, 34 (piazza Eremitani)
35121 Padova
tel 049 8360887
fax 049 8360864
casaeditrice@poligrafo.it
P.IVA 01372780286

© 2019 IL POLIGRAFO casa editrice