Francesco Petrarca

I sette salmi penitenziali

presentazione e nuova traduzione dal latino

I sette salmi penitenziali di Petrarca, composti in una sola giornata probabilmente nel 1348 e ispirati ai canti di David rappresentano la chiave per conoscere la psicologia autentica e religiosa del grande poeta, in un momento da cui dipese poi – molto probabilmente – tutta la sua attività del periodo successivo. Da questi testi giunge nitido fino al lettore, come scriveva Natalino Sapegno «l’eco delle sue ed intense ore di meditazione dei testi biblici e patristici».

Claudio Belinati, sacerdote della diocesi di Padova (1945), si è laureato in Lettere e in Filosofia presso l’Università di Padova. Già docente nel Liceo “Tito Livio” di Padova, è membro della Pontificia Commissione per i Beni Culturali della Chiesa, direttore della Biblioteca Capitolare di Padova, presidente emerito della Commissione Diocesana per l’Arte Sacra e dell’Archivio della Curia Vescovile. È autore di varie pubblicazioni su Giotto, Galileo Galilei, San Gregorio Barbarigo, sulle tematiche del Paleocristianesimo a Padova. Collabora con «L’Osservartore Romano