La partizione delle voci

Verso una comunità senza fondamenti

Il concetto di interpretazione resta ancora oggi al centro di tanta parte del dibattito filosofico contemporaneo. In questo saggio, Nancy risale al nodo teorico al quale hanno attinto i seguaci di Heidegger per fondare la filosofia ermeneutica. Un esame penetrante del testo heideggeriano rivela che il cosiddetto “circolo ermeneutico” nasce da un fraintendimento del concetto stesso di interpretazione, che Nancy traduce con “esplicitazione”.
Esplicitare significa rendere palese, far vedere da sé ciò che si manifesta, ma significa anche mettere in gioco la voce stessa degli uomini, che nel dialogo arrischiano la loro finitezza e le loro singolarità. Rendere esplicito, invece che interpretare, è l’atto che consente di mantenere all’essere quel carattere di “dono” che costituisce l’evento nel suo tratto ontologico fondamentale.

Jean-Luc Nancy insegna Filosofia nelle Università di Strasburgo e di San Diego. Tra le sue opere più importanti: L'impértif categorique (Paris 1983), La communauté désoeuvrée (Paris 1986, trad. it. Napoli 1992), L’oubli de la philosohie (Paris 1986), L’experience de la liberté (Paris 1988), Une pensée finie (Paris 1990, trad. it. Milano 1992).

IL POLIGRAFO casa editrice

via Cassan, 34 (piazza Eremitani)
35121 Padova
tel 049 8360887
fax 049 8360864
casaeditrice@poligrafo.it
P.IVA 01372780286

© 2020 IL POLIGRAFO casa editrice