Mors et renovatio dell’antico

Il Castello di Heidelberg

presentazione di Paolo Marconi

Il recentissimo progetto di Burelli per il Castello di Heidelberg si presenta come una critica radicale al concetto di “rovina”, un disegno destinato a prendere forma su un poderoso rudere mitizzato dal romanticismo e dalla storia tedesca e perciò ritenuto intoccabile, al punto da non poter essere in grado di accogliere “nuova vita”. Quello di Burelli, evidenziato in questo progetto, è invece un linguaggio che si è evoluto ed è maturato fino ad assumere e dispiegare la grammatica, la sintassi, i vocaboli, la dignità di una lingua letteraria. Un simile sviluppo potrebbe apparire un “peccato” solo agli occhi di alcuni architetti modernisti, dediti fanaticamente al design come a una sorta di religione, ma non per la comunità degli utenti, che possono intendere quel linguaggio proprio come si intende una lingua madre.

IL POLIGRAFO casa editrice

via Cassan, 34 (piazza Eremitani)
35121 Padova
tel 049 8360887
fax 049 8360864
casaeditrice@poligrafo.it
P.IVA 01372780286

© 2019 IL POLIGRAFO casa editrice