Noi siamo come l’acqua del fiume

Quegli anni Settanta

In una casa di campagna, alla periferia di Padova, si riunisce un gruppo di ragazzi. Hanno le facce serie, i lineamenti tesi: lo spazio tra di loro è occupato da un senso di attesa per qualcosa di imminente e fatale. La rivoluzione comunista è a un passo, ne sono sicuri, e loro hanno tutta l’intenzione di favorirla: sono o non sono un’avanguardia? Le loro violenze – le rapine, i rapimenti, gli attentati – servono ad autofinanziarsi, ma anche ad eliminare i nemici del proletariato. Tra di loro ci sono Elsa e Vico: lui ha origini nobili, è figlio del conte Ferraro, noto industriale veneziano del mattone; lei è la sua fidanzata. Sono belli, giovani, intelligenti. E arrabbiati. Entrambi hanno lasciato le loro famiglie per entrare in clandestinità. Non sanno ancora che la violenza chiama violenza e che la Storia ha per loro un destino già scritto.
Con una scrittura incalzante, quasi da noir, Noi siamo come l’acqua del fiume è un romanzo che racconta gli anni Settanta dal punto di vista delle barricate, mostrandoci il conflitto sociale – e generazionale – attraverso gli occhi di due ragazzi che vogliono incendiare il mondo per cambiarlo e che, per farlo, sacrificano tutto. Questa è la storia delle loro scelte, dei loro errori, e della loro redenzione.

Gisella Pagano, regista, giornalista, pittrice, nasce a Milano e si diploma all’Accademia Internazionale delle Belle Arti di Brera, studiando con i Maestri Annigoni e Purificato. Agli inizi degli anni Settanta espone a Lugano, Lione, Berlino, Lubiana, Roma, per poi dedicarsi esclusivamente alla regia cine-televisiva. Collabora con la Rai Italiana, l’Istituto Luce (Ente Cinematografico di Stato), l’Enea (Ente Nazionale Ener- gia Alternativa) e anche con TV straniere. Numerosi i riconoscimenti internazionali: tra questi, nel 1996, al Festival sull’Arte che si svolse a Parigi al Beaubourg, vinse la “Palma d’argento” come migliore regia. Tra le sue recenti pubblicazioni: Loris Fortuna. Quel “matto” sano che riuscì a cambiare l’Italia (2017) La madre che venne dal buio (2016). Ha scritto inoltre per “La Domenica del Corriere”, “Oggi”, “Tribuna Politica”, “L’informazione”.

IL POLIGRAFO casa editrice

via Cassan, 34 (piazza Eremitani)
35121 Padova
tel 049 8360887
fax 049 8360864
casaeditrice@poligrafo.it
P.IVA 01372780286

© 2020 IL POLIGRAFO casa editrice