Vite senza tempo

Riduzione in prosa del manoscritto La serva di Padova

presentazione di Michele A. Cortelazzo

In una dimora fatiscente e in rovina del centro di Padova, una contessa – ultima discendente dei Carraresi – attende l’arrivo degli ufficiali giudiziari incaricati di sfrattarla. Da tempo il patrimonio di famiglia è esaurito, la dimora risente non solo della poca manutenzione, ma è stata più volte ipotecata, tanto da diventare proprietà della banca. Nell’attesa, la contessa ripercorre con la mente la battaglia in cui la sua famiglia ha perso il dominio della città contro i veneziani. Come in un film, vede il tentativo di Marsilio dei Carraresi di resistere all’invasione, partecipa alla sua cattura, si commuove per la sua morte. Ma la morte di Marsilio non sarà vana, se è vero che negli ultimi istanti di vita è riuscito a nascondere l’enorme tesoro di famiglia da qualche parte in quello stesso edificio. Rivivendo la storia del suo avo, la contessa sarà forse in grado di recuperarlo? Oppure è necessario un gesto eclatante, un enorme sacrificio, per chiudere i conti con il presente e con il passato? Questo libro di Vincenzo Faggiano è la trasposizione in prosa della sua opera lirica La serva di Padova. Non si tratta tanto di un romanzo storico, di cui ne conserva molti degli ingredienti (l’avventura, il mistero, le agnizioni, perfino il manoscritto ritrovato), quanto di un romanzo a chiave, allegorico, in cui si racconta la storia di una decadenza e, allo stesso tempo, di un orgoglioso riscatto. Una libera ricostruzione che mescola con grande misura tono aulico e popolare, Storia e invenzione, antico e moderno e riesce ad essere profondo e allo stesso tempo avvincente.

Vincenzo Faggiano trascorre la sua infanzia tra Napoli, il Cilento e il Salento, per poi trasferirsi a Padova, dove si laurea in Scienze Politiche. Ha partecipato ai movimenti giovanili degli anni ’70 ed è stato tra i più giovani dirigenti del movimento sindacale. In qualità di esperto in politiche del lavoro, ha collaborato con l’International Labour Office ed è entrato nei ruoli delle Nazioni Unite, presso l’Agenzia ILO di Ginevra. Rientrato in Italia, ha lavorato presso il Comune di Padova e quindi presso l’avvocatura civica. Ha pubblicato saggi, studi e articoli su riviste specializzate di studi politici, lavoristiche, sociali ed economiche. Nel 2012 pubblica La serva di Padova (Cleup). Il lavoro ha visto molte rappresentazioni teatrali a Padova e nel Veneto, arrivando fino a New York, dove è stato rappresentato a Broadway, presso il National Opera Center nel 2017. Attualmente vive a Padova, dove ricopre l’incarico di Direttore dell’Ufficio del Giudice di Pace.

IL POLIGRAFO casa editrice

via Cassan, 34 (piazza Eremitani)
35121 Padova
tel 049 8360887
fax 049 8360864
casaeditrice@poligrafo.it
P.IVA 01372780286

© 2020 IL POLIGRAFO casa editrice