Alle origini del fascismo

La violenza politica a Venezia 1919-1922

presentazione di Mario Isnenghi

Qual è il ruolo della violenza politica nella conquista del potere da parte dei fascisti? Questo studio fornisce una risposta attraverso l’analisi di un caso locale, per molti versi atipico, qual è quello di Venezia. Tra il 1919 e il 1922 vi fu, da parte dei fascisti veneziani, un utilizzo precoce della violenza politica, per contendere l’occupazione della scena pubblica ai socialisti e anche per porsi come protagonisti attivi nell’arena politica cittadina. Ottenuti questi obiettivi, la ritualizzazione e la messa in scena della violenza rimangono elementi fondamentali della politica fascista in città, come mezzo di intimidazione delle classi dirigenti, ma anche – tra il 1921 e il 1922 – come espressione di un’opposizione alla linea politica perseguita dal fascismo nazionale.

Giulia Albanese si è laureata in storia contemporanea presso l’Università Ca’ Foscari di Venezia. È attualmente dottoranda presso l’Istituto Universitario Europeo di Firenze e fa parte del consiglio direttivo dell’Istituto veneziano per la storia della Resistenza e dell’età contemporanea.

IL POLIGRAFO casa editrice

via Cassan, 34 (piazza Eremitani)
35121 Padova
tel 049 8360887
fax 049 8360864
casaeditrice@poligrafo.it
P.IVA 01372780286

© 2020 IL POLIGRAFO casa editrice