Trivia nelle tre corone

I volti di Diana nelle opere di Dante, Petrarca, Boccaccio

prefazione di Pietro Gibellini

L’imago di Diana, prodotta dalla letteratura classica nella tradizione di due auctores, Virgilio e Ovidio, raggiunge l’apice dell’esperienza poetica con le “tre Corone” della letteratura italiana – Dante, Petrarca e Boccaccio –, che contribuiscono alla diffusione del mito di Diana, la divina figlia di Latona e Zeus prescelta nel Medioevo quale ideale exemplum della castità cristiana. Ricostruendo i tre volti con cui la dea è cantata dai poeti classici, la Commedia dantesca connota Trivia di una propria fisionomia letteraria, mediante un costante e prolifico dialogo con i versi dell’Eneide e delle Metamorfosi di Ovidio, mentre nel Canzoniere Petrarca s’impossessa del mito classico per raccontare la sua storia personale e il suo amore per Laura attraverso le potenzialità liriche delle fabulae antiche. Spetta però a Boccaccio divulgare un ritratto della dea, casta signora delle selve dedita alla caccia, reso attuale dalla commistione fra l’immagine pagana e le nuove interpretazioni allegoriche medievali, offrendo un originale percorso narrativo dove convivono i protagonisti della tradizione antica con personaggi creati dal suo genio poetico.

Enrica Gambin si è laureata in Lettere presso l’Università Ca’ Foscari di Venezia, con una tesi in Filologia e letteratura italiana sotto la guida di Pietro Gibellini. Attualmente sta svolgendo il Dottorato di ricerca presso la Scuola Normale Superiore di Pisa.

IL POLIGRAFO casa editrice

via Cassan, 34 (piazza Eremitani)
35121 Padova
tel 049 8360887
fax 049 8360864
casaeditrice@poligrafo.it
P.IVA 01372780286

© 2020 IL POLIGRAFO casa editrice