De Amicis in Marocco. L’esotismo dimidiato

Scrittura e avventura in un reportage di fine Ottocento

prefazione di Ilaria Crotti

In un’Italia appena unificata, dall’identità nazionale ancora vaga e indistinta, De Amicis, nelle vesti di inviato speciale, narra di un Oriente confusamente esteso tra l’Africa selvaggia e la decaduta civiltà musulmana, come seducente cornice per sogni di evasione e di trasgressione. Nel reportage, frutto del suo viaggio in Marocco, De Amicis mette a nudo le proprie passioni, idiosincrasie, incomprensioni.
L’autrice indaga la forza di suggestione della letteratura di viaggio di Edmondo De Amicis, nel suo richiamo ai maggiori modelli francesi (T. Gautier e E. Fromentin), sullo sfondo del quadro storico segnato dalle evoluzioni del viaggiare, dei mezzi di comunicazione e della conoscenza della realtà, in una prospettiva che considera gli apporti dell’antropologia, dell’estetica e della critica testuale.

Valentina Bezzi, dottoranda in Italianistica presso la Facoltà di Lettere dell’Università di Venezia, si occupa di letteratura di viaggio con particolare attenzione ai generi del reportage e ai suoi esiti italiani ottocenteschi e contemporanei. Al Viaggio in Italia di Guido Ceronetti ha dedicato un articolo in «Studi novecenteschi» (1995) e un saggio apparso tra gli atti del convegno Il viaggio in Italia: modelli, stili, lingue (Napoli 1999). Attualmente sta svolgendo una ricerca sui quaderni di viaggio di Edmondo De Amicis conservati presso la Biblioteca Civica di Imperia.

IL POLIGRAFO casa editrice

via Cassan, 34 (piazza Eremitani)
35121 Padova
tel 049 8360887
fax 049 8360864
casaeditrice@poligrafo.it
P.IVA 01372780286

© 2020 IL POLIGRAFO casa editrice