Edmond Jabès

Alle frontiere della parola e del libro

a cura di

Edmond Jabès, con tutto ciò che i suoi libri di interrogazioni, di dialogo e di sovversione sono riusciti a esprimere attraverso l’erranza e il silenzio, si trova qui al centro di una riflessione collettiva che, nel diverso approccio interdisciplinare al testo, coglie il senso profondo di una scrittura mai esausta di domande, mai sazia di nuove risposte. L’originalità del volume sta proprio nell’incrocio e nella sovrapposizione dei diversi interventi, che costituiscono altrettante avventure del pensiero, verso un ascolto delle possibilità abissali della parola e della scrittura poetiche, che si configurano, per Jabès, come spazio scenico dove si gioca tragicamente la vita in quanto assoluto irrappresentabile.
Edmond Jabès è nato al Cairo nel 1912. Nel 1957, costretto a lasci