L’idea repubblicana in Kant

Tra riforma e negazione del diritto di resistenza

Il pensiero politico di Kant è diventato, anche in tempi recenti, l’occasione per valorizzare e per mettere in rilievo elementi cruciali e aspetti diversi di una ricca e complessa elaborazione intellettuale che, se pure non ha raggiunto lo straordinario vigore dei contributi legati all’ambito teoretico o, per esempio, a quello morale, rimane un punto di riferimento essenziale nella storia delle idee e nella riflessione sulla politica. Il cosmopolitismo, il progetto di una repubblica federale mondiale, la pace e la guerra nell’ordine internazionale, il confronto con l’assetto costituzionale della Germania del XVIII secolo, le implicazioni liberali o “rivoluzionarie” di questa prospettiva sono altrettanti elementi di una Kant-Renaissance che ha investito negli ultimi decenni anche la filosofia politica. In queste pagine viene proposto un itinerario all’interno della filosofia politica kantiana che, partendo dall’esame della logica di fondo che governa lo Staatsrecht, affronta temi pregnanti come la costruzione del potere sovrano e del corpo politico, il discorso costituzionale, la negazione del diritto di resistenza, la critica del dispotismo e l’affermazione del repubblicanesimo, fino ad approfondire la pubblicità e la regolazione della decisione politica in Kant.

Giovanni Tonella, dottore di ricerca in Filosofia politica, insegna Pubblica amministrazione e politiche pubbliche presso la Facoltà di Scienze politiche dell’Università di Padova. Tra le sue pubblicazioni più recenti: Il problema del diritto di resistenza. Saggio sullo Staatsrecht tedesco della fine del Settecento (Napoli, 2007).

IL POLIGRAFO casa editrice

via Cassan, 34 (piazza Eremitani)
35121 Padova
tel 049 8360887
fax 049 8360864
casaeditrice@poligrafo.it
P.IVA 01372780286

© 2019 IL POLIGRAFO casa editrice