La logica e il “suo” altro

Il problema dell’alterità nella Scienza della logica
di Hegel

È possibile una logica dell’alterità, ovvero l’alterità ha una propria logica? A questa domanda il pensiero filosofico contemporaneo ha risposto perlopiù negativamente, radicando l’altro su un terreno di ineffabilità, di trascendenza, di irriducibile differenzialità.
Rispetto a tale questione la filosofia hegeliana appare essere un terreno d’indagine privilegiato, per certi aspetti ancora da approfondire. È la Scienza della logica, in particolare, il testo hegeliano che si presenta come maggiormente ricco e fecondo di sviluppi filosofici, proprio in riferimento al tema del rapporto logico esistente fra sé e altro da sé. L’opera hegeliana espone le condizioni che consentono di dire e di rapportarsi ad altro e ad altri: la Scienza, perciò, pur restando logica, è teoria di quella libertà che solitamente viene considerata di pertinenza dell’etica e della filosofia “pratica”.
La ricerca di Alessandro Bellan indaga le diverse forme speculative della relazione logica dell’altro. L’analisi condotta mette in luce le difficoltà in cui si imbattono talune interpretazioni di Hegel: non solo le due edizioni del testo hegeliano, ma l’intero arco del pensiero del filosofo tedesco, da Francoforte a Berlino, dimostrando che non c’è logica senza relazione all’altro. L’analisi condotta mette in luce le difficoltà in cui si imbattono talune interpretazioni di Hegel: non solo le due edizioni del testo hegeliano, ma l’intero arco del pensiero del filosofo tedesco, da Francoforte a Berlino, dimostrano che non c’è logica senza relazione dell’altro, né alterità al di fuori della logica. La relazione all’altro appare così strutturalmente ineliminabile dal compito stesso della filosofia.

Alessandro Bellan, dottore di ricerca in Filosofia, colabora con le cattedre di Storia della filosofia e Storia della filosofia contemporanea dell’Università di Venezia. Ha svolto periodi di ricerca a Heidelberg e allo “Hegel-Archiv” di Bochum. Suoi saggi e traduzioni sono apparsi in «Fenomenologia e società», «La società degli individui», «Reset», «Iride» e in volumi collettanei. È membro del Seminario nazionale di Teoria critica e filosofia sociale.

IL POLIGRAFO casa editrice

via Cassan, 34 (piazza Eremitani)
35121 Padova
tel 049 8360887
fax 049 8360864
casaeditrice@poligrafo.it
P.IVA 01372780286

© 2020 IL POLIGRAFO casa editrice