Il ritratto dell’amante

L’artista, la musa, il simulacro

Il titolo – preso a prestito da un affascinante libro di Maurizio Bettini – condensa alcuni motivi topici: il doppio, replica della persona amata e proiezione del proprio desiderio che dà origine al simulacro in cui il flusso della passione amorosa viene eternato, ma anche raggelato nella dimensione estetica.
Il movimento non è mai a senso unico: così accade che lo specchio dell’arte divenga a sua volta ispiratore vivificante per la creazione e che la musa ispiratrice sposti ininterrottamente i confini tra arte e vita, tra fissità della forma e mobilità del flusso vitale, facendosi anche veicolo della sublimazione della biografia dell’artista entro la sfera estetica.
Tra i diversi fili inseguiti dai vari contributi contenuti nel volume spicca quello dell’identità, vista attraverso il rispecchiamento della musa in cui si proietta l’artista; percorsi ambigui e rovesciamenti simmetrici si insinuano nelle relazioni tra artefice e modello e il tema si fa inquietante quando lo sguardo dell’artista libera il potenziale di annientamento della musa amante, ma anche quando le sue ossessioni creano figure fantastiche, dove lo scarto tra immaginario e presenza reale si fa incolmabile e a sua volta generatore di fantasmi.
Il volume contiene, tra gli altri, contributi di: Maurizio Bettini, Adone Brandalise, Alessia Castellani, Cristina Grazioli, Marino Niola, Farah Polato, Elena Randi, Maria Tasinato.

Saveria Chemotti insegna presso il Dipartimento di Italianistica dell’Università di Padova.

Cristina Grazioli, Farah Polato, Rosamaria Salvatore insegnano e svolgono attività di ricerca presso il Dipartimento di Discipline linguistiche, comunicative e dello spettacolo (Sezione Spettacolo) dell’Università di Padova.

IL POLIGRAFO casa editrice

via Cassan, 34 (piazza Eremitani)
35121 Padova
tel 049 8360887
fax 049 8360864
casaeditrice@poligrafo.it
P.IVA 01372780286

© 2019 IL POLIGRAFO casa editrice